SANGUE, ARTE, FUOCO, STORIA

SANGUE, ARTE, FUOCO, STORIA

Di Alexandra Grabner

Originariamente fortemente influenzata dalla Grecia, Nea Polis, oggi meglio conosciuta come Napoli, mantiene la sua ricca storia e diventa nello stesso tempo il luogo perfetto per gli artisti del presente o del passato, non importa neanche dove sono nati. Alcuni di loro possono essere individuati senza nemmeno mettere un piede in un museo come Frida Kahlo, Caravaggio, Michelangelo o Raffaello. Più si guarda bene più si vede la loro influenza.

Al lavoro dovrei incontrare ancora più artisti, alcuni di loro non li ho nemmeno sentiti nominare, ma già prima del mio primo giorno ho avuto il piacere di conoscere alcune delle influenze odierne del mondo dell’arte napoletana, senza che fossero nemmeno loro stessi artisti. Dopo aver conosciuto il mio capo, mi ha presentato Peppe Morra, fondatore della Fondazione Morra e di diversi musei in cui avrei trascorso buona parte del mio tempo, così come Emmanuela Spedaliere, che lavora al Teatro di San Carlo e ci ha anche invitato a un concerto all’opera la settimana successiva. Poi ho anche scoperto che li avrei incontrati a casa di Peppe, su una delle colline nel cuore di Napoli sul terreno di un ex monastero con un’aia, giardini e persino animali. Ma la parte più eccezionale era la vista sull’oceano, al Vesuvio e a alcune isole.

Le mie due settimane ho trascorso principalmente a Casa Morra, sede di una collezione contemporanea di proprietà, ovviamente, di Peppe Morra. Anche se non avevano niente di particolare da farmi fare lì – ho dovuto imparare a mie spese che anche se parli l’italiano di base, non parli automaticamente il napoletano di base – ho dato una mano dove ho potuto. Un giorno preparavo oggetti d’esposizione, l’altro traducevo lettere tedesche. Il mio obiettivo principale a Casa Morra, però, era „The Living Theater“, un gruppo teatrale politicamente schietto e anarco-pacifista che è stato originariamente fondato a New York negli anni ’40 dall’attrice Judith Malina e dal pittore e poeta Julian Beck ed è attivo ancora oggi. Soprattutto il loro spettacolo „Il Matusalemme Giallo“ mi ha seguito per tutto il tempo che ci sono stata: Iniziando con la sceneggiatura e un riassunto in inglese della stessa, continuando con un film sul gruppo e lo spettacolo, aiutando persino un fotografo a scattare foto dei costumi originali usati in diverse rappresentazioni, oltre a prepararli per le riprese e per l’archivio nella maggior parte dei giorni.

Ma la troupe di Casa Morra non aveva sempre qualcosa da fare per me, così mi hanno dato l’opportunità di visitare altri musei: dal museo d’arte contemporanea Madre; al Museo di Capodimonte situato su una montagna che domina la città con arte contemporanea, collezioni sul Teatro di San Carlo e pezzi originariamente di proprietà dei reali; fino probabilmente al più grande museo che abbia mai visitato, il Museo Archeologico, nel quale ho passato quasi 5 ore per vedere tutto. Mosaici, statue, mummie, arte e dipinti di vari periodi, pezzi che riflettono la storia del genere umano e una collezione speciale sui gladiatori – non ho mai sentito il viaggio nel tempo così vicino.

Il secondo museo che ho potuto sperimentare più da vicino attraverso il lavoro è stato il Museo Nitsch, un regalo di compleanno di Peppe Morra all’action painter austriaco Hermann Nitsch che è meglio conosciuto per la sua scandalosa arte sanguinaria e le sue cerimonie. Come amico e sostenitore dell’artista, Morra ha fondato il secondo museo di Nitsch in tutto il mondo, compreso un appartamento al piano superiore con, di nuovo, una fantastica vista sulla città e sul mare. Il museo è diventato la casa dei cimeli utilizzati da Nitsch nelle sue azioni e dei dipinti che ne sono derivati. Sono accompagnati da un intero archivio dedicato a lui dove si raccolgono video, foto, audio e articoli in più lingue su di lui. Essendo l’unica tedesca presente, ho avuto il compito di tradurre e riassumere articoli in tedesco, dove ho imparato molto di più sull’impressionante carriera di Nitsch e sui suoi legami con il mondo all’arte napoletana.

Tre settimane e mezzo di lavoro e quasi cinque in Italia sono passate più velocemente di quanto avrei voluto, forse anche perché ho pianificato un sacco di viaggi nel mio tempo libero. Dopo il lavoro ho vagato per il centro di Napoli, trovando alcuni dei migliori dolci nelle pasticcerie ad ogni angolo, e anche la migliore, e dico la migliore, pizza che la mia bocca abbia mai assaggiato proprio a Piazza Dante. Napoli fiorisce nella sua gloria storica e i resti di essa possono essere trovati ovunque – librerie che sono anche caffè, ristoranti tradizionali, miglia di shopping dall’inizio del secolo e persino un bellissimo speakeasy hanno reso il mio soggiorno molto particolare. Con un po‘ più di sforzo, il mio viaggio mi ha anche portato sottoterra alle catacombe della città e sopra i tetti della città a San Martino. Con un facile accesso ai traghetti e ai treni, ho trascorso i miei fine settimana e i giorni liberi esplorando il golfo di Napoli. Il giardino archeologico di Ercolano, le isole Procida, Ischia e Capri, le belle città della costa come Salerno, Sorrento, così come uno dei posti più belli che abbia mai visto, Positano. Naturalmente ho anche dovuto fare un’escursione fino al cratere del Vesuvio e la sera ho cavalcato attraverso i vigneti ai suoi piedi. Con il cuore pesante e una sosta a Roma, ho salutato la città infuocata sotto il sole del Mediterraneo e mi sono diretta verso casa, per tornare presto, si spera, ancora una volta.

Share This Story, Choose Your Platform!